Le proprietà e i benefici del miele

"Il miele è un prodotto ricco di proprietà antiossidanti che aiuta l'organismo. Le proprietà del miele aiutano a disintossicare il fegato, ad assimilare calcio nelle ossa, a decongestionare le via nasali."

0
Gusto
29/12/2015
Le proprietà e i benefici del miele

Le proprietà salutari e organolettiche del miele sono note da migliaia di anni. Fin dai tempi antichi era l'unico dolcificante che l'uomo usava, ed inoltre veniva considerato anche come farmaco, per curare e prevenire piccoli disturbi, e anche in cosmetica con risultati più che soddisfacenti. Nella mitologia greca e romana veniva considerato il "cibo degli dei".

 

Come nasce il miele
Come nasce il miele

Come nasce il miele

Il miele viene prodotto dalle api, che usano il nettare dei fiori o per alcuni tipologie di miele anche secrezioni delle piante (es. miele di quercia). In poche parole, il nettare, una volta raccolto, viene disidratato dalle api che, in un secondo momento, aggiungono degli enzimi allo stesso e, solo successivamente viene lo depongono nei favi.
Dopo che il miele viene depositato, l'apicoltore, estrae le celle dei favi mediante un processo di centrifugazione, e lascia il miele decantare in vasi di vetro. Il prodotto è sin da subito pronto all'uso. Le proprietà del miele variano in base al tipo di fiore, di pianta e del clima territoriale. Per conservare le sue caratteristiche, il miele deve essere estratto a freddo, cioè senza alcun intervento termico, infatti il miele sottoposto ad una temperatura di circa 45 gradi inizia a perdere le sue proprietà e a degradarsi. 

 

I benefici del miele
I benefici del miele

I benefici del miele

I benefici del miele, che contiene antiossidanti, sono molteplici, adatti sopratutto per il periodo invernale ed autunnale. Le proprietà del miele aiutano a:

  • Disintossicare e proteggere il fegato
  • Assimilare il calcio e il magnesio per le ossa
  • Decongestionare le vie aeree

Il miele ha un alto contenuto di vitamine ed amminoacidi, che lo rende particolarmente adatto per la cura di raffreddore e tosse che ci attanagliano nei periodi invernali. In questi casi,  ad esempio, per combatterli è consigliabile bere del latte caldo con un paio di cucchiaini di miele. Grazie alle proprietà antinfiammatorie e decongestionanti il miele attenuerà il bruciore alla gola e migliorerà la respirazione. Inoltre ha un'efficace azione sul metabolismo, sullo stomaco e sull'apparato respiratorio. È consigliato anche per l'alimentazione dei bambini dato che aiuta nello sviluppo dell'apparato muscolare e della crescita, e inoltre grazie alla sua digeribilità viene usato anche nell'alimentazione di persone anziane e debilitate
Grazie all'alto contenuto di antiossidanti naturali, il miele aiuta, sia nella prevenzione che nei processi d'invecchiamento
Oltre ai tanti rimedi naturali per la cute e per la pelle, Il miele risulta essere molto utile mescolando del miele con dell'olio di oliva. Questa miscela ottenuta si potrà sfruttare per la sua proprietà emolliente e idratare al meglio la cute.

 

 La cristallizzazione e la conservazione del miele
 La cristallizzazione e la conservazione del miele

La cristallizzazione e la conservazione del miele

L'aspetto del miele non per forza deve essere liquido/fluido, ma si possono trovare delle tipologie che hanno una consistenza più solida. La consistenza dipende dal tipo di miele, cioè dal tipo di fiore con cui è stato creato e dal clima. La cristallizzazione, non è altro che un processo naturale, che dipende dalla composizione e dalla temperatura del miele e può esprimere la sua genuinità. Ogni miele, ha una tendenza a cristallizzare differente che varia in base ad una maggiore o minore presenza di acqua e glucosio e dalla percentuale di zuccheri presenti nel prodotto. La cristallizzazione avviene naturalmente, per far ritornare il miele ad uno stato liquido, è sufficiente riscaldare il vasetto a bagnomaria stando attenti a non superare i 45 gradi. Un altro processo naturale che potrebbe dare fastidio al consumatore è la comparsa di un strato bianco in superficie. Quest'ultime non sono altro che particelle di ossigeno che si formano durante la centrifuga per estrarre il miele.
Si ricorda infine che la temperatura ideale per la conservazione del miele si aggira intorno ai 14 gradi ed al riparo dall'aria, l'umidità e la luce. 

 

Vota questo articolo
0 Commenti
Per commentare devi registrarti o effettuare l'accesso.

Like Facebook

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter. Riempi il form col tuo indirizzo mail e sarai automaticamente iscritto.

Torna su