La lampadina a incandescenza tornerà a illuminare casa grazie a una maggiore efficienza luminosa

"È stata mandata in pensione qualche anno fa per la sua scarsa efficienza luminosa ma, secondo gli scienziati, potrà ancora illuminare le nostre case dopo un bel restyling"

1
Elettronica
21/07/2016
La lampadina a incandescenza tornerà a illuminare casa grazie a una maggiore efficienza luminosa

Le vecchia lampadina ad incandescenza è fuori legge nell’Unione Europea sin dal 2012, sostituita dalle molto più efficienti lampadine a basso consumo. Tuttavia, un team di ricercatori sta sviluppando una nuova tecnologia che potrebbe regalarle una seconda giovinezza.


 

La nuova lampadina a incandescenza
La nuova lampadina a incandescenza

Come funzionerebbe la nuova lampadina a incandescenza

Partiamo dal principio, come funziona una lampadina ad incandescenza?

La lampada ad incandescenza è una sorgente luminosa in cui la luce viene prodotta dal riscaldamento di una spirale di tungsteno attraverso cui passa la corrente elettrica.

L’energia elettrica quindi viene convertita in calore (90%) e luce (10%).

Sulla base di queste affermazioni, possiamo dedurre che il 90% del consumo elettrico per accendere una lampadina e far luce si disperde in calore. In pratica significa che, per ogni euro speso, circa 5 centesimi diventano “luce” mentre tutto il resto viene sprecato in calore.

È proprio per la scarsa efficienza luminosa e gli alti consumi che l’Unione Europea, già nel 2009, ha iniziato una progressiva eliminazione dal mercato di queste lampadine in favore delle lampadine a led di nuova generazione a basso consumo energetico

Queste lampadine hanno una resa di almeno il 15%, seppure siano più costose, rispetto al 10% della lampada ad incandescenza.

I ricercatori stanno lavorando proprio sulla dispersione di calore attraverso una tecnica ribattezzata “recycling light”. Questa tecnica fa si che il calore normalmente disperso venga rimbalzato contro l’ampolla di vetro e venga reindirizzato verso la spirale di tungsteno potendo così essere utilizzata per produrre altra luce.


 

Consumo nuova lampadina a incandescenza
Consumo nuova lampadina a incandescenza

Consumo ipotetico della nuova lampadina ad incandescenza

Secondo i test di laboratorio con questa nuova tecnologia si avrebbe una resa di almeno il 40%, rispetto agli iniziali 10% e superando di gran lunga il 15% delle attuali lampadine a risparmio energetico presenti sul mercato. Per usare lo stesso esempio di prima: per ogni euro speso, circa 35 centesimi verrebbero trasformati in luce e il resto sarebbe disperso sotto forma di calore. Un bel guadagno per le famiglie!


 

Illuminare casa a basso costo
Illuminare casa a basso costo

Come illuminare casa a basso costo

Per trovare sul mercato le lampade ad incandescenza di nuova generazione ci vorrà ancora un bel po’, nel frattempo possiamo dare qualche suggerimento per illuminare la casa in modo low cost.

Che si tratti di lampade a led, lampade alogene o fluorescenti il denominatore comune sembra essere lo stesso: il basso consumo energetico.

Quindi la scelta delle lampade da utilizzare, a parità di consumi, va fatta considerando l’ambiente da illuminare.

Le luci e i faretti a led sono sicuramente i più gettonati, per efficienza luminosa, basso consumo, lunga durata e esteticamente possono essere molto d’effetto.

L’unica attenzione sta nella scelta della tonalità di luce più o meno calda a seconda degli ambienti che si vanno ad illuminare; una luce fredda è sicuramente più indicata per il bagno e una luce calda per il salotto, ad esempio. Esistono poi luci per ambienti come le lampade philips hue che possono, in base al gusto personale cambiare colore.

Le lampade alogene sono apprezzate per avere una gradevole luce bianca, molto simile alla luce naturale con un ottima resa dei colori. Queste lampade sono ideali per illuminare una scrivania o un angolo lettura.

Le lampade fluorescenti lineari dette neon, infine, sono molto apprezzate in quanto grazie alla loro conformazione lineare distribuiscono la luce in maniera uniforme. Utilizzate per lo più per l’illuminazione di uffici o spazi grandi come i magazzini, negli ultimi anni stanno trovando spazio anche nelle abitazioni.

Vota questo articolo
1 Commenti
  • 10 mesi fa
    Antonio Campanella
    Ma dai non ci credo... Certo che rispetto alle vecchie lampade a incandescenza, illuminare la casa a basso costo è molto più semplice, sopratutto per molteplice offerta di mercato. Per fortuna anche i prezzi delle lampade sono bassi
    Per commentare devi registrarti o effettuare l'accesso.
Per commentare devi registrarti o effettuare l'accesso.

Like Facebook

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter. Riempi il form col tuo indirizzo mail e sarai automaticamente iscritto.

Torna su