Difesa consumatori telefonia: come rivendicare i tuoi diritti

"Difesa consumatori telefonia: tutti i casi in cui aiutiamo il consumatore a far valere i suoi diritti, a presentare reclamo e ad essere indennizzato"

0
Elettronica
21/02/2018
Difesa consumatori telefonia: come rivendicare i tuoi diritti

Quando si parla di tutela dei consumatori, il Settore della telefonia la fa certamente da padrone.

Difatti, sempre più spesso il consumatore è vittima, non solo di disservizi, ma di vere e proprie angherie da parte degli Operatori telefonici e, seppure molti comportamenti scorretti siano indennizzabili, è innegabile che l'utente incontri difficoltà nel risolverli e nell’ottenere un risarcimento adeguato, a fronte del disagio subito. Per quanto attiene espressamente la difesa consumatori telefonia, il tema offre dei singoli casi specifici, nei quali è possibile operare a tutela dei diritti dei cittadini.


 

Difesa consumatori telefonia: servizi telefonici non richiesti
Difesa consumatori telefonia: servizi telefonici non richiesti

Associazione consumatori telefonia: difendersi dai servizi telefonici non richiesti

È molto frequente sentire lamentele ad opera di “poveri” consumatori, che hanno scoperto di essere stati iscritti - a loro insaputa – a servizi a pagamento non richiesti.

Oggigiorno, infatti, basta aprire un pop-up o anche semplicemente rispondere ad un messaggio, per ritrovarsi - senza saperlo e contro la propria volontà - abbonati ad un contratto di erogazione servizi. Molto spesso, ancora, avviene che i Gestori telefonici trovino anche il modo di applicarci piani tariffari diversi, senza averci previamente informati.

Uno dei motivi per cui i Gestori telefonici attuano una siffatta spregiudicata politica è da attribuire – verosimilmente - al fatto che il consumatore/utente non abbia tempo e conoscenze/competenze necessarie per opporsi a tali comportamenti scorretti, ai limiti della legalità.

Per questa ragione è importante sapere che, in questi casi, si può ottenere tutela un indennizzo economico a ristoro del disagio/torto subito, purchè si proceda necessariamente ad inoltrare un reclamo scritto all’Operatore.



 

Difesa consumatori telefonia: mancata portabilità del numero
Difesa consumatori telefonia: mancata portabilità del numero

Difesa consumatori telefonia: mancata portabilità del numero

Un’altra casistica che spesso si verifica e che ci troviamo quindi ad affrontare, è la mancata o ritardata portabilità del numero, che si verifica allorquando, effettuando un cambio di Gestore ci troviamo a non avere più il nostro “prezioso” numero, utilizzato per anni, ed in conseguenza di ciò a subire ingenti danni - affettivi ed a volte economici - per l’inaspettata e spiacevole perdita del numero telefonico.

È fondamentale sapere che, il Gestore telefonico che ha causato la mancata portabilità del numero, ha compiuto un vero e proprio inadempimento contrattuale. Ciò, indipendentemente dal fatto che la mancata migrazione abbia riguardato un numero fisso, ovvero un numero mobile.

Anche in questo caso, intervenendo come difesa consumatori telefonia, si può far sì che il cittadino venga tutelato e risarcito economicamente.



 

Difesa consumatori telefonia: disservizi telefonici
Difesa consumatori telefonia: disservizi telefonici

Altri casi di disservizi e di procedure scorrette in ambito telefonia

La difesa consumatori telefonia, non si ferma alle situazioni esposte in precedenza, ma investe anche le seguenti altre frequenti casistiche: 

 

Laddove doveste malauguratamente incappare in una delle superiori casistiche, ricordate sempre che la prima cosa da fare – ancor prima di aver lamentato il fatto all’operatore/operatrice del call center – è quella di effettuare un reclamo, a seguito del quale l’Associazione dei Consumatori potrà intervenire col Servizio difesa consumatori telefonia.



 

Difesa consumatori telefonia: importanza dei reclami
Difesa consumatori telefonia: importanza dei reclami

L'importanza dei reclami presentati in modo corretto

Riprendendo e ribadendo, infine, quanto sopra già accennato, cogliamo l’occasione per evidenziare tutti gli aspetti legati agli obblighi imposti dalle norme ed i vantaggi che il cittadino/consumatore/utente può trarre da una associazione consumatori telefonia, che – in modo competente ed autorevole - si occupa della risoluzione del problema e del recupero dell’indennizzo economico spettante allo stesso, a fronte dei disagi subìti.

Quindi, gli aspetti da tenere bene a mente sono:

  • La presentazione di un reclamo scritto, che rappresenta l’unico modo corretto di protestare. Tale procedura incide sostanzialmente sulle probabilità di essere indennizzati e sull’importo dell’indennizzo economico ottenibile, unica misura tangibile per “misurare” la rivalsa nei confronti dell’Operatore, nei propri diritti calpestati;

  • Laddove il reclamo scritto non si sia presentato a tempo debito, cioè all’insorgere del problema, è opportuno - ai fini della costituzione delle prove dell’avvenuto subìto disagio/disservizio - ricostruire documentalmente i passaggi relativi alle lamentele inoltrate al Gestore con altri strumenti (anche telefonicamente) producendo le seguenti prove:

    • nr operatore/i del call center con il quale (o con i quali) abbiamo parlato;

    • nr pratica assegnata;

    • ricevuta/e fax, eventualmente inviati;

    • screenshot di messaggi avuti con il Gestore;

    • ogni altra attività documentabile.

  • L’eventuale (in realtà, molto frequente) mancata risposta ai reclami ad opera del Gestore telefonico che non risponda. In questo caso, ed anche ciò rientra nella difesa consumatori telefonia, se il cliente non riceve risposta, adeguatamente motivata, entro i tempi previsti (30/45 GG), lo stesso ha diritto ad un indennizzo per tale scorretta condotta.

 

Vota questo articolo
0 Commenti
Per commentare devi registrarti o effettuare l'accesso.

Like Facebook

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter. Riempi il form col tuo indirizzo mail e sarai automaticamente iscritto.

Torna su