Come risparmiare energetica elettrica con l'uso del condizionatore e climatizzatore

"Con l'arrivo dell'estate in Italia i consumi di gas tendono a scendere, ma inesorabilmente la spesa per l'energia elettrica lievita principalmente a causa dell'uso spropositato e a volte non corretto dei condizionatori e climatizzatori."

3
Casa e fai da te
01/07/2015
Come risparmiare energetica elettrica con l'uso del condizionatore e climatizzatore

Con l'arrivo dell'estate in Italia i consumi di gas tendono a scendere, ma inesorabilmente la spesa per l'energia elettrica lievita principalmente a causa dell'uso spropositato e a volte non corretto dei condizionatori e climatizzatori.

Questi elettrodomestici sono ormai di largo consumo visto che quasi il 40% degli italiani ne possiede uno e circa il 90% per cento degli uffici pubblici è attrezzato con apparecchi di questo tipo.

Se da una lato l'uso dei condizionatori e climatizzatori può essere efficace per combattere gli effetti dell’afa, dall'altro il loro uso eccessivo, oltre allo spreco di soldi dovuto ai consumi di energia elettrica, può portare a seri problemi di salute: troppa aria gelida infatti, può essere causa di bronchiti, asma, tosse e perfino obesità. Bisogna inoltre ricordare che l'uso di questi apparecchi è una soluzione poco sostenibile anche dal punto di vista ambientale.

L’importante è utilizzare condizionatori e climatizzatori nel migliore dei modi seguendo alcune regole fondamentali per massimizzare il comfort e il risparmio energetico e ridurre i consumi elettrici.

Come risparmiare energetica elettrica con l'uso del condizionatore e climatizzatore

 

Consigli per l'acquisto di un condizionatore o climatizzatore

Prima dell'acquisto di un condizionatore o climatizzatore è utile conoscere l'etichetta energetica che indica la classe di efficienza. Ovviamente conviene scegliere un modello che che sia di classe A o superiore (A+, A++, A+++)

Si consiglia di acquistare un climatizzatore che utilizzi la tecnologia inverter che adegua la potenza all’effettiva necessità, riducendo i cicli di accensione e di spegnimento, consentendo da un lato una maggiore durata dell’apparecchio e dall'altro un risparmio energetico che può essere superiore al 30%.

In tanti pensano che un condizionatore più grande riesca a raffreddare la casa più rapidamente e in modo più efficiente. In realtà, le dimensioni del condizionatore dovrebbero essere sempre proporzionate all’ambiente nel quale cui viene collocato. Un apparecchio sovradimensionato rispetto alla stanza nel quale deve essere installato può non riuscire a determinare una temperatura uniforme, né a ridurre l’umidità dell’aria, funzionando al contrario, in modo inefficiente. Infatti a causa dei continui cicli di accensione e spegnimento del compressore, può comportare a un inutile dispendio energetico, stimato fino al 50% in più.

Il consiglio, quindi, è quello di acquistare un elettrodomestico in linea con le effettive necessità, affidandosi a un tecnico esperto e qualificato che possa consigliare le macchina di potenza adeguata alle reali esigenze di climatizzazione.

Infine se l’ambiente non è particolarmente esposto al sole, è opportuno valutare l’utilizzo di un apparecchio per il raffreddamento al posto del condizionatore o di un deumidificatore.

utilizzare il condizionatore in maniera corretta

 

Consigli utili per utilizzare un condizionatore o climatizzatore in maniera corretta

In fase di installazione si consiglia di posizionare l’unità esterna del condizionatore in un’area ombreggiata o poco soleggiata, possibilmente orientata a nord o nord-est, in quanto attivando il funzionamento di raffreddamento si possono ridurre i consumi anche del 5% rispetto ad un'altra esposta al sole.

Per non sprecare energia, fare in modo che il termostato del condizionatore sia posizionato lontano da fonti di calore (lampade, elettrodomestici, televisioni), che potrebbero falsare la misurazione della temperatura della stanza, facendo lavorare inutilmente l’apparecchio.

La temperatura degli ambienti provvisti di condizionatore deve essere impostata tra 25° e 27°C, ricordando che la differenza tra l'interno e l'esterno non deve superare i 6°C.

È utile poi, prima di decidere se avviare la funzione di raffreddamento, attivare la sola funzione di deumidificazione, in modo da ridurre l'umidità nell'aria. In questo modo la percezione del caldo e dell’afa sarà minore. Premurarsi quindi di azionare il raffreddamento solo se ce né veramente di bisogno.

Per ridurre gli sprechi si consiglia di attivare il sensore di movimento (se disponibile tra le funzioni del condizionatore), che rileva se l’ambiente è rimasto vuoto per più di 20 minuti, passando in automatico in modalità stand-by.

Un'accurata e periodica pulizia e manutenzione del condizionatore non solo migliora il rendimento del prodotto, ma ne allunga la vita. A tal proposito, la pulizia dei filtri dell’aria dell’unità interna dovrebbero essere controllati e puliti a cadenza bimestrale e, nel caso siano in cattive condizioni, sostituiti.

Una volta all'anno, poi, andrebbero controllati la serpentina di evaporazione e il canale di scarico. Questi accorgimenti permettono alla ventola e al condizionatore di funzionare con la massima efficienza.

A tal proposito è opportuno effettuare una regolare manutenzione dell’impianto ogni due, tre anni sia per il controllo del refrigerante che e la eventuale sostituzione dei filtri.

Inoltre è opportuno ricorrere in caso di mal funzionamento dell'apparecchio, al controllo e se opportuno al caricamento di nuovo gas refrigerante.

Si consiglia di non “mascherare” il condizionatore con piante o tende, in quanto si ostacola la ventilazione e si rischia di intasare lo scarico. Anche nell’unità esterna non ci devono essere elementi che impediscano il corretto flusso dell’aria. Queste barriere potrebbero ostacolare la normale e corretta distribuzione dell’aria, provocando un sovraccarico del condizionatore e il conseguente spreco di energia.

Si suggerisce di chiudere porte e le finestre, possibilmente con doppi vetri evitando di aprirle mentre il condizionatore è in azione. È utile mantenere le tapparelle e le persiane abbassate nelle ore in cui la temperatura è più alta. In questo modo si impiegherà meno energia per raffreddare gli ambienti.

Evitare di lasciare acceso il condizionatore per tutto il giorno programmando accensione e spegnimento, in modo che l’elettrodomestico si azioni prima del rientro a casa e si spenga prima dell'uscita o dell'andare a letto.

Durante le ore notturne si consiglia di dormire con il condizionatore spento in quanto può causare a malesseri come tosse e bronchite.

alternative all'uso del condizionatore o climatizzatore

 

Valide alternative all'uso del condizionatore o climatizzatore

Esistono dei modi per mantenere la casa fresca senza usare l’aria condizionata.

Innanzitutto bisognerà allontanare la luce del sole, premurandosi di chiudere finestre, tende e tapparelle durante il giorno e permettere l’ingresso dell’aria più fresca durante la notte.

Dipingere di colore bianco le pareti dell'abitazione e utilizzare tende dello stesso colore. Il bianco tende infatti per riflettere la luce evitando di catturare il calore.

Anche l'umidità contribuisce ad aumentare la temperatura. Di conseguenza è consigliato usare la lavatrice e fare la doccia nelle ore più fresche del giorno.

Utilizzare il ventilatore a soffitto, che spinge l’aria dall’alto verso il basso, potrebbe essere un buon rimedio all'uso del condizionatore. Con l'uso di questo apparecchio sì può infatti risparmiare fino al 60% della spesa energetica rispetto a quella che consuma un condizionatore e ridurre di circa 3-4 gradi la temperatura della stanza.

Infine, un’alternativa all’uso del condizionatore è la vecchia tecnica delle correnti d’aria che si possono creare tra una stanza e l’altra attraverso l’apertura di una porta e una finestra.

 

Vota questo articolo
3 Commenti
  • 1 anno fa
    Sara Albinati
    Bei consigli che cercherò di mettere in pratica per risparmiare qualche euro
    Per commentare devi registrarti o effettuare l'accesso.
    • 1 anno fa
      Antonio Campanella
      Idem. non si sa mai!
  • 2 anni fa
    Maria De Simone
    Articolo utile e concreto. Visti i costi delle bollette metterò subito in pratica questi validi consigli
    Per commentare devi registrarti o effettuare l'accesso.
Per commentare devi registrarti o effettuare l'accesso.

Like Facebook

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter. Riempi il form col tuo indirizzo mail e sarai automaticamente iscritto.

Torna su